Obiettivi del Centro di Studi

Le attività intraprese dal cervim intendono tutelare, valorizzare e sostenere le "viticolture eroiche"
Il CERVIM persegue la sua missione proponendo delle soluzioni per la protezione del territorio, per ridurre i costi di produzione e per valorizzare la qualità dei prodotti vitivinicoli, intraprendendo ricerche scientifiche, attraverso esperienze collaudate e discusse in campo nazionale e internazionale.

Le attività intraprese dal CERVIM intendono perseguire gli obiettivi seguenti:
  • salvaguardare, sostenere, valorizzare e promuovere la viticoltura di montagna e/o in condizioni orografiche difficili (forti pendenze e terrazzamenti), minacciata dall’abbandono a causa delle caratteristiche del territorio e dei costi elevati di produzione;
  • intrattenere rapporti con enti, pubblici e privati, che a qualunque titolo si occupano di protezione e di valorizzazione del settore vitivinicolo, anche attraverso la stipula di accordi e di convenzioni;
  • promuovere iniziative tecniche, scientifiche, culturali e promozionali inerenti la viticoltura montana, compresa l’organizzazione di concorsi itineranti sui vini montani;
  • favorire nelle zone a viticoltura montana la presenza dell’uomo, la conservazione dell’ambiente, la tutela del paesaggio e il mantenimento di un tessuto sociale e culturale costituente presupposto per l’attivazione di processi di sviluppo rurale;
  • promuovere soluzioni volte alla protezione dei territori montani, alla riduzione dei costi di produzione e di trasformazione delle uve;
  • valorizzare la qualità dei vini montani, sviluppando la ricerca, l’innovazione tecnologica e la divulgazione delle conoscenze acquisite;
  • proporsi come organismo di coordinamento della viticoltura montana presso gli organi e le istituzioni operanti a livello regionale, nazionale ed internazionale;
  • gestire, mediante compartecipazioni con altri organismi pubblici o privati, iniziative promozionali anche di natura economico- commerciale, volte al perseguimento degli scopi associativi.